You came this way: Home > Tag: Acoustic Electronic

“Acoustic Electronic” (Used 35 times)

Related Articles

elementperspective on 05/23/2013 at 04:19AM

EPVtape001- N-qia

Via elementperspective » Visit Blog » 0 COMMENTS Share
NetMusic_Life on 04/15/2013 at 04:40PM

Candlegravity - "Junpei" (Bunkai-kei 037)

Amo molte delle uscite di Bunkai-kei e ho amato molto "A moment for myself", album di Candlegravity uscito nel Maggio dello scorso anno per VKRS. Quindi prendo confidenza con "Junpei" con l'umore giusto e ne rimango quasi immediatamente affascinato. Sean Crownover è rappresentante di un'elettronica umana sensibile. Raccontato da una lunga presentazione, sincera e delicata, non si smentisce nei passi successivi dell'ascolto. Sin dalla prima traccia, la struggente "Wanting someone", capolavoro elettro-malinconico che si è stampato indelebilmente nella scheda audio del mio cervello. Elementi fanciulleschi si presentano sotto forma di trasparenti risate, canti di galli e muggiti in "Fieldtrip", supportati da un pianoforte posizionato su un carro in allegra scampagnata tra campi accuratamente coltivati e con l'aggiunta di una breve sosta per l'ascolto di un cameo di un'orchestrina di contadini vestiti da giorno di festa. Quando sopraggiungo alla metà della terza traccia condivido con me stesso che "Junpei" è un grande album, qualsiasi cosa potrà accadere successivamente. S'incontrano anche momenti più oscuri e introspettivi, come in "Could Have" o soffusi ed eterei (Junpei). Il tutto continuamente animato da field recordings, canti di uccellini, traffico stradale e voci fuori campo. Per poi annegare in una sconcertante e disperata "A suicide". Apocalisse interiore, suoni che urlano, che stanano il malessere che si nasconde astutamente dentro ad ognuno di noi. Gli sbalzi d'umore sono sinonimo di vitalità, di coscienza penetrabile. Ed è così che "Tomie's Bubbles" mi rende felice di esser vivo e di non dimenticare mai di essere stato bambino. "With many tears" conclude l'album trasformandomi in un manichino in estasi gobbamente seduto sulla sedia per pc. "Junpei" è struggente, intenso e profondo. Tra i lavori più emozionanti usciti in questi primi mesi dell'anno. Grazie Sean per la tua sensibilità.

» 0 COMMENTS Share